Raccolta in diretta del polline

Bentornati, oggi seguiremo due api bottinatrici intente a raccogliere del polline sui fiori di papavero!

Guardate come lavorano e come lo appallottolano sulle zampe posteriori, ma come funziona nello specifico?

Quando un’ape visita un fiore, dal momento che ha il corpo ricoperto da peluria, si cosparge di polline: grazie al primo paio di zampe si pulisce il capo, con il secondo la parte ventrale del torace e con il il terzo paio l’addome. Tutto questo polline viene portato tra la tibia e il tarso delle zampe posteriori e impastato con saliva e nettare dalla stessa bottinatrice a formare delle palline. Queste palline vengono fatte confluire nella cestella e portate dall’insetto all’interno dell’alveare.

Il polline è un nutrimento proteico molto importante per il sostentamento dell’alveare, infatti insieme al miele è il nutrimento di tutte le larve di operaia e fuco a partire dal 4° giorno di vita… e poi diciamolo, è bellissimo da vedere in quanto ogni specie vegetale ha il suo, infatti i granuli pollinici cambiano per forma, visibile al microscopio, e per colore!

Ad esempio, il polline del Papavero è nero e al microscopio…. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *